Sostenibile, smart e customer-oriented: ecco la nuova sede di Lainate

Oltre 12.000 m² dedicati ai clienti e allo sviluppo delle soluzioni ONE FANUC, con una particolare attenzione rivolta al rispetto dell’ambiente: queste le premesse della nuova sede di FANUC Italia di Lainate, che segna un nuovo punto di partenza nel percorso di crescita tecnologica e commerciale dell’azienda specialista nell’automazione di fabbrica.

di Andrea Rongoni

Dal punto di vista chilometrico, è piuttosto vicina alla precedente collocazione di Arese. Nella realtà, però, la nuova sede di FANUC Italia di Lainate è ad anni luce di distanza dal recente passato soprattutto sotto l’aspetto della sostenibilità e della forte attenzione rivolta alla clientela italiana e alle sue esigenze, sempre nuove, stimolanti e sfidanti.

L’Italia al centro della strategia di crescita
Si tratta del maggior investimento effettuato da FANUC in Europa: 25 milioni di euro, segno, appunto, che il mercato italiano continua a crescere e a registrare risultati positivi (156 milioni di euro il fatturato di FANUC Italia nel FY 2018, +56% rispetto al 2014, anno in cui le tre divisioni Factory Automation, Robot e Robomachines si sono riunite), con previsioni ottimistiche e ambiziose anche per gli anni a venire. Per questo motivo FANUC ha validato l’acquisto del terreno su cui sorge l’edificio, fatto non comune per un’azienda giapponese, a riprova della fiducia del gruppo nell’operato della filiale italiana.
“FANUC Italia sta attraversando una fase particolarmente positiva” esordisce Marco Ghirardello, Managing Director della filiale italiana in occasione dell’inaugurazione del nuovo plant. “La spinta di Industria 4.0 e la tendenza a investire in robotizzazione ci hanno portato numerose opportunità di sviluppo. Non si tratta di un evento legato esclusivamente agli incentivi del piano Impresa 4.0, notiamo una diffusa volontà di trasformazione tecnologica delle aziende del nostro Paese. La crescita di FANUC Italia è costante, e stiamo ulteriormente consolidando ed espandendo la nostra presenza sul mercato. Anche il numero di dipendenti è in crescita, oggi siamo 136 e stiamo ricercando nuove figure da inserire nell’organico. Pertanto la nuova sede non rappresenta soltanto una necessità dovuta al bisogno di maggiore spazio fisico. È un vero e proprio segnale dell’importanza strategica che l’Italia ricopre nel gruppo FANUC”, commenta Ghirardello.

Hub di competenza e tecnologia
All’inaugurazione della nuova sede di Lainate, avvenuta lo scorso lunedì 17 giugno, era anche presente il top management di FANUC Corporation: Dr. Yoshiharu Inaba, Chairman FANUC Corporation e figlio del fondatore di FANUC Dr. Seiuemon Inaba, Kenji Yamaguchi, Presidente e CEO di FANUC Corporation, e Shinichi Tanzawa, Presidente e CEO di FANUC Europe Corporation.
“Robotizzazione, Internet of Things, Intelligenza Artificiale e 4.0 costituiscono gli attuali drive del mercato in Europa, e FANUC si propone come il partner tecnologico unico in grado di supportare i clienti in questa trasformazione profonda”, afferma Shinichi Tanzawa. “L’Europa è al centro dell’innovazione, e l’Italia sta confermando le nostre aspettative di crescita. Questa nuova sede rappresenterà un hub di competenza e tecnologia per tutta FANUC”.

Quando la tecnologia è al servizio dei clienti
FANUC Italia, in particolare, pone al centro dell’interesse il cliente e le sue problematiche produttive. Non a caso, la nuova sede è stata pensata e voluta come habitat naturale della filosofia ONE FANUC che consente di beneficiare a 360° del know-how di FANUC e della sua rete di assistenza globale. Ed è proprio per dare spazio a questa competenza e alla soddisfazione delle esigenze dei clienti che FANUC Italia ha deciso di puntare su Showroom, Area Training per FANUC Academy e un Technical Center per i test dei partner tecnologici.
Lo show room occupa una superficie di 1.000 m² e mette al centro le soluzioni FANUC dedicate ai diversi settori applicativi, dall’automotive all’aerospace e medicale, stampisti, food & beverage e general industry, solo per citarne alcuni.
Un percorso interattivo guida i visitatori attraverso robot, celle robotizzate, isole, sistemi laser, controlli numerici e componenti per l’automazione (servomotori, amplificatori e moduli per l’alimentazione).
Accanto allo show room vi sono gli 800 m² del Training Center FANUC Academy: sei aule per la formazione teorica e pratica degli utilizzatori di soluzioni FANUC e degli studenti, che, in linea con il motto “Try. Learn. Inspire.” potranno apprendere come sfruttare al meglio i prodotti dell’azienda giapponese e testare subito dal vivo le proprie conoscenze su robot, macchine e controlli numerici messi a disposizione dei partecipanti.
La Technical Area permetterà, invece, di effettuare test e simulazioni direttamente su macchine FANUC, per individuare i migliori assetti per le proprie esigenze di lavorazione e affinare procedure e processi per ottenere risultati di qualità eccellente. È inoltre presente una sala a temperatura controllata completa di macchine di misura per effettuare prove in un ambiente ideale.

Luogo di incontro per persone e competenze
Vi è poi, al primo piano dell’edificio, la FANUC Hall, l’Auditorium da 150 posti a sedere, che aspira a diventare il cuore di FANUC in Europa: qui si terranno infatti meeting aziendali e aggiornamenti del gruppo anche a livello europeo, oltre a presentazioni dedicate ai clienti ed eventi che coinvolgeranno il personale di FANUC Italia.
Inoltre, lo spazio sarà utilizzato anche per incontri con le scuole in visita alla sede di Lainate, e per ospitare convegni tecnologici di associazioni di categoria, con l’obiettivo di potenziare la posizione di FANUC come riferimento dell’automazione di fabbrica anche al di fuori del consueto canale commerciale.

Tecnologia verde per il nuovo building
In apertura di articolo, abbiamo collocato ad anni luce di distanza questa nuova sede rispetto alla vecchia, puntando il dito soprattutto nella direzione della sostenibilità. Nella progettazione dello stabile di Lainate è stata, infatti, posta grande attenzione anche ai temi del risparmio energetico e del comfort dei dipendenti, in linea con l’impegno di FANUC nei confronti dell’ambiente.
La nuova sede ha infatti ottenuto la prestigiosa certificazione Gold nella LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) in virtù dell’adempimento di una serie di parametri in termini di sostenibilità, utilizzo efficiente delle risorse, gestione e recupero dei materiali di scarto e dei rifiuti, qualità dell’ambiente lavorativo, attenzione alle innovazioni tecnologiche.
Più del 30% dell’intera area si trova all’aperto, e il 25% è spazio verde. Gli spazi riservati ai parcheggi sono stati limitati in favore della conservazione dell’originale area boschiva di 2.524 m² ai lati dell’edificio; inoltre, sono state progettate diverse zone “green” usufruibili dai dipendenti.
L’utilizzo dell’acqua esterna viene ridotto del 100% grazie all’ impiego di un efficiente sistema di irrigazione a goccia e all’utilizzo di acqua piovana.
Nel parcheggio interno sono previste sei postazioni riservate alle auto a ridotto impatto ambientale (elettriche, ibride e car pooling), e sono presenti tre colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.
Sul tetto dell’edificio sono installati pannelli fotovoltaici che produrranno energia atta a coprire il 21% del fabbisogno dello stabile, mentre la rimanenza verrà corrisposta dalla fornitura di energia 100% da fonti rinnovabili. La progettazione “smart” della nuova sede ha poi puntato sul miglior utilizzo della luce naturale, così da sfruttare il più possibile la luce solare per illuminare gli ambienti e ridurre l’impiego della luce artificiale.
Nel pieno rispetto dei parametri LEED (che prevedono l’emissione di 9 kg di CO2 e per m² all’anno), la sede di Lainate limiterà la sua impronta a un virtuoso 6 kg/m²/anno, per un totale di 4.167 tonnellate di CO2 e, ben al di sotto dei 5.899 di riferimento, segno che l’investimento di FANUC Italia punta alla crescita del business ma senza trascurare la sostenibilità e il benessere dei lavoratori.