Ingranare una marcia in più con il Condition Monitoring and Diagnostics

Leader mondiale nelle trasmissioni meccaniche con clienti che chiedono forniture just-in-time, KOKI punta sull’affidabilità e sulla disponibilità del suo parco di sessanta robot. L’azienda tedesca fondata nel 2003 produce scatole del cambio di alta precisione per alcuni dei principali marchi automobilistici mondiali.

di Andrea Rongoni

KOKI profonde un impegno costante verso il miglioramento e l’innovazione, oltre alla produzione snella. In quest’ottica, l’azienda ha chiesto ad ABB di trovare nuove soluzioni per aumentare la disponibilità e la produttività dei robot. Il progetto è partito dal sito produttivo di Glauchau, in Germania, interessato da alcune problematiche in passato. ABB forniva già assistenza a KOKI per i robot di saldatura, in particolare un servizio di manutenzione annuale e pronto intervento in caso di problemi. ABB ha proposto di collegare uno dei robot di saldatura dello stabilimento di Glauchau al servizio Condition Monitoring and Diagnostics dell’offerta ABB Ability Connected Services.

Più competitività coi servizi digitali
ABB ha cominciato a collegare i propri robot a servizi avanzati nel 2007 e oggi sono circa 7.000 i robot ABB collegati alla piattaforma ABB Ability Connected Services presso oltre 750 clienti in 40 Paesi, con più di 40.000 robot dotati di connettività integrata. Ogni nuovo robot ABB può essere collegato all’Internet of Things per sfruttare le tecnologie digitali a beneficio delle prestazioni e dell’affidabilità.
Condition Monitoring and Diagnostics è un servizio sicuro che monitora le condizioni dei robot 24 ore su 24 e avvisa gli operatori in caso di situazioni che potrebbero condurre a fermi imprevisti. Il sistema può inviare allarmi via mail o SMS in presenza di problemi critici oppure fornire agli operatori, attraverso un’applicazione intuitiva via Web, dati utili a intervenire. Questi dati possono essere sfruttati anche per preparare al meglio i tecnici dell’assistenza in vista dell’intervento in loco, per esempio inviando un’immagine del punto in cui si è verificato il guasto. Nell’arco dell’anno, il servizio Condition Monitoring and Diagnostics di ABB ha rilevato condizioni che avrebbero potuto causare l’arresto del robot, avvisando in modo proattivo KOKI in modo che i suoi addetti potessero risolvere il problema prima che si verificassero inconvenienti. Per molte aziende manifatturiere il costo legato ai tempi morti è aumentato drasticamente negli ultimi anni. Secondo le stime degli esperti, il costo di un’ora di fermo imprevisto in una grande fabbrica di autoveicoli può, per esempio, superare un milione di dollari. Con clienti come quelli di KOKI che chiedono forniture just-in-time, il guasto di un robot di saldatura può avere conseguenze pesantissime sulle tempistiche. In passato KOKI era spesso costretta a impegnare un’altra cella con lo stesso modello di robot per compensare la perdita di produzione: un processo dispendioso in termini di tempo e soggetto a rischi.


Più competitività coi servizi digitali
ABB ha cominciato a collegare i propri robot a servizi avanzati nel 2007 e oggi sono circa 7.000 i robot ABB collegati alla piattaforma ABB Ability Connected Services presso oltre 750 clienti in 40 Paesi, con più di 40.000 robot dotati di connettività integrata. Ogni nuovo robot ABB può essere collegato all’Internet of Things per sfruttare le tecnologie digitali a beneficio delle prestazioni e dell’affidabilità.
Condition Monitoring and Diagnostics è un servizio sicuro che monitora le condizioni dei robot 24 ore su 24 e avvisa gli operatori in caso di situazioni che potrebbero condurre a fermi imprevisti. Il sistema può inviare allarmi via mail o SMS in presenza di problemi critici oppure fornire agli operatori, attraverso un’applicazione intuitiva via Web, dati utili a intervenire. Questi dati possono essere sfruttati anche per preparare al meglio i tecnici dell’assistenza in vista dell’intervento in loco, per esempio inviando un’immagine del punto in cui si è verificato il guasto. Nell’arco dell’anno, il servizio Condition Monitoring and Diagnostics di ABB ha rilevato condizioni che avrebbero potuto causare l’arresto del robot, avvisando in modo proattivo KOKI in modo che i suoi addetti potessero risolvere il problema prima che si verificassero inconvenienti. Per molte aziende manifatturiere il costo legato ai tempi morti è aumentato drasticamente negli ultimi anni. Secondo le stime degli esperti, il costo di un’ora di fermo imprevisto in una grande fabbrica di autoveicoli può, per esempio, superare un milione di dollari. Con clienti come quelli di KOKI che chiedono forniture just-in-time, il guasto di un robot di saldatura può avere conseguenze pesantissime sulle tempistiche. In passato KOKI era spesso costretta a impegnare un’altra cella con lo stesso modello di robot per compensare la perdita di produzione: un processo dispendioso in termini di tempo e soggetto a rischi.

Maggiore affidabilità e durata con l’analisi dei dati
Forte dell’esperienza positiva, KOKI ha collegato tutti i 60 robot ad ABB Ability Connected Services. Tutto il processo produttivo di KOKI beneficia delle nuove opzioni offerte dall’ecosistema di rete. Grazie ad ABB Ability Connected Services e ai dati ricavati dal sistema, ABB può effettuare con più efficacia attività di manutenzione e ispezione che tengano conto delle effettive condizioni dei robot. Si possono inoltre programmare in modo veloce e preciso interventi di riparazione ad hoc insieme a KOKI, sfruttando i dati in tempo reale. Queste attività possono essere ordinate per priorità, favorendo l’efficienza e la fluidità dei processi chiave del cliente. I robot connessi possono inoltre fornire dati “intelligenti” per confrontare le prestazioni dell’intera flotta e intervenire sui robot che hanno prestazioni sotto la media.
“Durante le verifiche, i costruttori di autoveicoli ci chiedono come possiamo garantire la sicurezza degli impianti. La manutenzione, il monitoraggio e l’assistenza dei robot svolgono un ruolo decisivo in tal senso”, sottolinea Sven Sparmann, Site Manager for Maintenance, Repair adn Overhaul di KOKI a Niederwürschnitz, Germania. “L’approccio è molto concreto e noi veniamo avvisati in anticipo. Rilevando i difetti si possono apportare correzioni quando la produzione è ferma, senza interrompere il processo”, continua Sparmann. “Collegheremo ad ABB Ability Connected Services tutti i nuovi robot nelle fabbriche in Germania e all’estero, su questo non ci sono dubbi”, conclude Sparmann.