Puligriglie per sistemi di taglio

È brevettato e certificato CE il puligriglie Laser Cleaner PG-H15 proposto dalla UPT di Desenzano del Garda, un dispositivo che evita di sostituire le griglie sporche ancora sfruttabili con un risparmio stimato di oltre 500 euro a tavola. Infatti, prima di decidere disostituire le griglie sporche, ci sarà un periodo dove queste saranno più o meno piene di scorie compromettendo il piano di appoggio della lamiera. Ciò comporta maggiore superfice alla quale si attaccano gli scarti del taglio che solleveranno la lamiera. Maggiori punti di riflessioni del fascio laser che rovineranno la faccia sotto della lamiera e, soprattutto in caso di acciaio inox il rischio di creare punti di ruggine. Tutto ciò oltre alla difficolta per il dispositivo di carico e scarico automatico di passare con le forche tra le griglie.

Il puligriglie UPT appoggia e contrappone solo sulla griglia che viene pulita; non solleva quelle affianco e non le sposta dalla loro sede, il piattello è più alto delle ruote e serve per stabilizzare il puligriglie stesso che avanza sulle ruote e non striscia sulle griglie.

Progettato e realizzato con materiali di qualità, questo puligriglie permette passare da una griglia all’altra con estrema facilità ed esercita una coppia di 75 Nm per ogni fresa in HSS di cui dispone che consentono di rimuovere la scoria in modo molto più veloce. Le frese hanno una durata elevata, nella migliore condizione fino a 20.000 m e assicurano performance di tutto rispetto: la velocità massima di taglio è infatti di 28 m/min con griglie poco sporche, 13,5 m/min con griglie mediamente sporche e 8,5 m/min nel caso di tavole di taglio particolarmente sporche. Con un peso di 23 kg, il puligriglie UPT rientra nei limiti consentiti da normativa che una persona può sollevare.

Minima la manutenzione richiesta in quantonon ci sono particolari che necessitano di essere sostituiti a intervalli regolari; l’unica operazione da effettuareè il controllo dell’affilatura delle frese e l’eventuale sostituzione.