Cobot e AGV: l’alleanza perfetta all’insegna dell’efficienza

INDEVA e Doosan si sono unite per combinare esperienza e versatilità nella realizzazione di robot collaborativi mobili e in grado di lavorare ininterrottamente. Grazie ai sistemi AGV, questi cobot possono spostarsi per eseguire operazioni di avvitatura o posizionamento pneumatici

di Maria Giulia Leone

Sin dal 1975, Scaglia INDEVA progetta e produce soluzioni per la movimentazione e manipolazione di componenti e prodotti finiti, con l’obiettivo di migliorare l’ergonomia, la sicurezza e la produttività in svariati settori industriali. Tra queste ci sono i manipolatori intelligenti (serie Liftronic) e tradizionali ad azionamento e controllo pneumatico (serie PN) nonché i sistemi a guida automatica (AGV) che si distinguono in due categorie di modelli standard: gli INDEVA Tugger e gli INDEVA Tunnel.
Grazie alla loro affidabilità e alla tecnologia di controllo elettronica che le rende idonee al moderno scenario di Industria 4.0, da anni grandi aziende di riferimento del settore automotive – tra cui brand come Lamborghini, Scania e PSA – scelgono i manipolatori intelligenti e gli AGV INDEVA.

Le applicazioni collaborative
Da marzo 2019 è operativa la nuova divisione INDEVA Cobotics. La scelta di attivare una partnership con la multinazionale coreana Doosan nasce dalla qualità globale di questi prodotti, che si posizionano ai vertici mondiali del settore per know-how, prestazioni e affidabilità. I cobot Doosan agiscono senza problemi vicini agli operatori, senza essere confinati in celle protette. Realizzare azioni all’interno di uno spazio condiviso con le persone è uno scenario che si inquadra quindi perfettamente con la vocazione ingegneristica e industriale di Scaglia INDEVA.
I cobot Doosan assicurano anche i massimi standard di sicurezza, grazie a una tecnologia che si avvale del controllo incrociato di due algoritmi di calcolo, i quali consentono il movimento del braccio robotico solo se i risultati corrispondono. Inoltre, al termine delle relative operazioni assegnate, il cobot avvisa l’operatore, attraverso un segnale luminoso (conforme alla normativa ISO 60204- 1) che l’operazione si è conclusa con successo. Le sei celle di carico, una per ogni giunto, assicurano inoltre una forza minima di contatto pari a 0,2 N, garantendo l’arresto immediato del braccio robotico a un leggero tocco dell’operatore. L’estrema semplicità di applicazione di attrezzi anche complessi, grazie alle 6+6 I/O, all’interfaccia di programmazione intuitiva con sistema a blocchi e al cockpit per l’auto apprendimento, rendono i cobot Doosan un ideale collaboratore per la fabbrica moderna.

I robot mobili collaborativi: integrazione tra cobot e AGV
Con l’intento di combinare la versatilità dei cobot Doosan e la consolidata esperienza dell’azienda nell’industria automobilistica INDEVA ha sviluppato un robot mobile collaborativo. L’unione dei sistemi a guida automatica (AGV) con i cobot Doosan, infatti, ha dato vita a un robot capace di spostarsi ed effettuare operazioni come l’avvitatura in stazioni di assemblaggio della scocca o il posizionamento di pneumatici. Il cobot può lavorare ininterrottamente e, grazie alle stazioni di ricarica, l’AGV assicura una carica costante che non rallenta il ciclo di lavoro.
Per motivi di volumi produttivi e spazio, dove sarebbe difficile installare ingombranti sistemi di robotica tradizionale, questa applicazione risponde perfettamente alle esigenze del settore automotive, che spesso deve assicurarsi anche il mantenimento di un’immagine aziendale pulita e ordinata.

Versatilità di gamma e applicazioni concrete
La gamma di cobot Doosan è estremamente diversificata. Il modello M1509 ha una capacità di carico fino a 15 kg; il modello M0617 ha sbraccio pari a 1700 mm; il modello M0609, grazie alle sue caratteristiche contenute, carico utile di 6 kg e raggio d’azione di 900 mm, è adatto per operazioni rapide e in spazi ristretti. Infine, il più versatile di tutti, il modello M01013, con carico utile di 10 kg e raggio di 1300 mm, si adatta facilmente a numerose tipologie di applicazioni. Secondo recenti statistiche, l’utilizzo dei cobot nell’industria automobilistica, ha prodotto un miglioramento qualitativo del prodotto finito pari al 10%.
L’ambito di applicazione dei cobot spazia dal prelievo e deposito all’avvitatura; dal controllo qualità alla saldatura e ad applicazioni più particolari quali la stiratura dei sedili delle automobili prima dell’inserimento nelle macchine o l’incollaggio della tappezzeria sul profilo della macchina.
Tra le aziende che hanno finora adottato le soluzioni collaborative INDEVA ci sono Poste Italiane, il gruppo FCA-Fiat e il gruppo Peugeot. I cobot – in grado di operare in ottica 4.0, vale a dire comunicando fra loro e con unità centrali di supervisione e controllo e quindi partecipando al coordinamento digitale dell’intera fabbrica – sono ideali anche per le PMI e nella micro-logistica.