Soluzioni intelligenti per l’assemblaggio di campionari

Una nota azienda produttrice di campionari di Medolla necessitava automatizzare il processo di assemblaggio dei suoi campionari movimentando i pezzi da un folder al plotter a seconda del modello di campionario da realizzare.

Scaglia INDEVA ha studiato le diverse fasi di assemblaggio campionari insieme al cliente, verificando processi, tempistiche e problematiche. La soluzione è stata un Cobot Doosan con attrezzo e programmazione appositamente studiate per il cliente.

L’operatore carica i campioni nelle dime con spazi predefiniti e carica il folder sul plotter pre-programmato per lo specifico folder da assemblare. Successivamente il plotter comunica al Cobot quale programma deve eseguire per lo specifico folder caricato. A questo punto il plotter stende la colla sulla prima pagina da assemblare e al termine dell’operazione si sposta in una posizione sicura per lasciare spazio al Cobot, il quale prende i campioni precaricati nella dima e li posiziona sulla relativa pagina.

Il sistema di presa riconfigurabile

Per fare questo il cobot Doosan è stato dotato di un attrezzo specificatamente studiato da Scaglia INDEVA, che grazie alla sua quarantennale esperienza nella realizzazione di sistemi di presa customizzati, ha realizzato un sistema di presa tramite vuoto che consente l’intercambiabilità di telai diversi in base al folder da realizzare. Ciascun telaio a sua volta è riconfigurabile in modo semplice da parte dell’operatore per adeguarsi alla realizzazione di un massimo di 40 tipologie di folder differenti.

L’attrezzo è in grado di prelevare contemporaneamente campioni che si trovano ad altezze diverse tra loro ed è stato dotato anche di un sistema autoescludente capace di prelevare e posizionare i campioni fisicamente presenti nella dima escludendo automaticamente gli spazi vuoti rilevati.

Dopo aver posizionato i campioni il cobot si sposta in una posizione sicura e comunica al plotter che l’area di lavoro è libera. A questo punto le operazioni si ripetono come sopra esposto fino al termine delle pagine, momento in cui il plotter comunica al robot il completamento del folder, indi il cobot lo sposta in una posizione comoda per l’operatore.

Affiancare l’operatore nelle operazioni ripetitive

Per quanto riguarda la sicurezza, il cobot è stato abbinato ad un laser scanner, che gli permette di lavorare a velocità elevata mentre l’operatore è lontano e ridurre gradualmente la velocità fino a fermarsi totalmente man mano che l’operatore si avvicina. Quando l’operatore si allontana nuovamente dal robot collaborativo la macchina riparte automaticamente.

Affinché l’applicazione risultasse il più flessibile e adattabile possibile, il Cobot è stato dotato di una base mobile che permette al cliente, ora, e in futuro, di utilizzare l’applicazione su altre postazioni presenti in azienda.

L’azienda si è ritenuta estremamente soddisfatta della soluzione fornita da INDEVA®, che è stata capace di affiancare l’operatore nelle operazioni ripetitive dell’assemblaggio senza però sostituirlo.

9 Condivisioni