Per la gestione dei fluidi da taglio

LNS elimina ogni problema di gestione dei fluidi da taglio presentando una nuova famiglia di prodotti.

di A.M.

Società specializzata nel settore dei caricatori di barre, della filtrazione dell’aria e la gestione del fluido da taglio per macchine utensili, LNS ha presentato in EMO la nuova famiglia di prodotti Chipblaster, azienda acquisita da LNS nell’ottobre dello scorso anno.
Fondata nel 1994 in Pennsylvania (USA), Chipblaster Inc. è un produttore di sistemi di refrigerazione ad alta pressione, di refrigeratori di liquido lubrorefrigerante e di sistemi di filtrazione ciclonica, che ha sviluppato soluzioni perfettamente complementari alla gamma di prodotti e servizi offerti dal Gruppo LNS.
La gamma di accessori integrati per macchine utensili comprende il sistema di raffreddamento ad alta pressione Chipblaster, la serie di gruppi frigoriferi ad alte prestazioni Chipchiller, il disoleatore Skimblaster per l’eliminazione dell’olio di scarto e il sistema di filtraggio Cyclone stand-alone o modulare per la filtrazione di fluidi fino a 2 µm. Commentando l’acquisizione, Gilber Lile, CEO del Gruppo LNS, ha dichiarato: “Una caratteristica comune alle due aziende è saper aiutare i produttori a ottimizzare l’efficienza delle loro macchine utensili per migliorare le prestazioni, la produttività e la redditività”.

I vantaggi offerti dalla linea di prodotti
Con oltre mille dipendenti e una rete commerciale e di assistenza
diffusa in tre continenti, LNS potrà
sfruttare la sua presenza globale per presentare in tutto il mondo i vantaggi offerti dalla linea di prodotti Chipblaster.
I sistemi di raffreddamento ad alta pressione Chipblaster erogano automaticamente un volume variabile di refrigerante ad alta pressione per migliorare le prestazioni di lavorazione, la durata degli utensili, l’evacuazione dei trucioli, l’efficienza macchina e i consumi energetici, grazie al sistema Automatic Variable Volume. Per un controllo senza compromessi dell’ambiente della macchina utensile, il refrigeratore Chipchiller incorpora una pompa di circolazione integrata, circuiti di allarme, di controllo del filtro e un sistema di monitoraggio completo della temperatura ambiente. Queste caratteristiche assicurano che le macchine utensili mantengano sempre la loro temperatura di esercizio ottimale, per ridurre al minimo la deriva termica e il suo impatto negativo sulla lavorazione, affinché la macchina utensile possa garantire il suo livello di precisione ottimale, indipendentemente dalle condizioni ambientali in cui si trova l’ambiente di lavoro. Facilmente integrabile in qualsiasi vasca o macchina utensile, il sistema Skimblaster può funzionare anche in sinergia con il sistema di raffreddamento ad alta pressione Chipblaster.
Con tre profondità di immersione e di schiumatura, due camere di raccolta dell’olio di scarto separate e un timer on/off programmabile, il disoleatore Skimblaster è un accessorio indicato per la pulizia di qualsiasi macchina utensile.

Allo studio nuovi progetti
Non solo tutte le linee di prodotto del Gruppo LNS saranno disponibili attraverso la propria rete di vendita in tutto il mondo, ma la possibile integrazione tra le diverse tipologie permetterà all’azienda di creare interessanti sinergie tra le varie famiglie. Sinergie che si riveleranno particolarmente importanti nello sviluppo di prodotti di nuova generazione. Infatti, i team di ricerca e sviluppo di entrambe le aziende stanno già lavorando a stretto contatto su ulteriori progetti, innovazioni e all’integrazione dei vari prodotti per estendere ancor di più il campo di applicazione delle soluzioni offerte dal Gruppo LNS.
“Il vantaggio di scegliere il Gruppo LNS come partner per la gestione completa delle periferiche delle macchine utensili è che attraverso un unico contatto si può accedere ad un team altamente qualificato di specialisti, capaci di soddisfare ogni tipo di esigenza. Dalla consulenza tecnica alle soluzioni complete, dall’approvvigionamento all’assistenza e supporto tecnico, il team del Gruppo LNS è in grado di soddisfare tutte le esigenze relative alle periferiche per le macchine utensili”, afferma Lile.