Sotto i riflettori: la Fabbrica Digitale

DMG MORI ha organizzato, come da tradizione, l’annuale Open House presso lo stabilimento DECKEL MAHO Pfronten, in Baviera. In uno spazio espositivo di 7.500 m2, erano in mostra 45 modelli di macchine di ultima generazione e 15 soluzioni di automazione oltre a soluzioni software per la Fabbrica Digitale.

di Alberto Marelli

DMG MORI si è presentata come motore dell’innovazione nel campo della digitalizzazione e dell’automazione durante la tradizionale Open House annuale, tenutasi dall’11 al 15 febbraio scorso presso lo stabilimento DECKEL MAHO Pfronten, in Baviera.
“DMG MORI è un gruppo con una base solida che continua ad andare a tutta velocità nonostante il rallentamento del mercato. Per questo motivo continuiamo a investire nei nostri settori strategici del futuro e allineiamo costantemente le nostre sedi alla produzione del futuro”, ha affermato Christian Thönes, Presidente del Comitato Esecutivo di DMG MORI AKTIENGESELLSCHAFT.
“Il nostro Gruppo continua ad evolversi da costruttore di macchine a fornitore di soluzioni integrate nell’ambiente di produzione”. Lo scorso anno DMG MORI ha investito circa 20 milioni di euro nell’ampliamento dei reparti produttivi di Pfronten. È stato costruito, ad esempio, un nuovo capannone logistico oltre ad un ampliamento di 1.200 m2 dell’area dedicata al montaggio della serie di macchine monoBLOCK.
La “Excellence Factory monoBLOCK” sarà presto ampliata con un nuovo e pionieristico concetto di montaggio: in futuro, infatti, le macchine saranno prodotte su un sistema di trasporto senza conducente (AGV) in un assemblaggio in linea.

Quattro anteprime mondiali
Durante l’Open House, DMG MORI ha presentato 45 macchine ad alta tecnologia e 15 soluzioni di automazione. All’evento circa 8.000 visitatori internazionali sono stati accolti da quattro anteprime mondiali: il centro di lavoro orizzontale universale DMU / DMC 65 H monoBLOCK, il LASERTEC 400 Shape per la testurizzazione laser di pezzi fino a 20.000 kg, il LASERTEC 30 DUAL SLM per la produzione additiva nonché il sistema di pallet modulare PH CELL.
Gli addetti ai lavori hanno potuto apprezzare anche le numerose soluzioni legate alla digitalizzazione, come ad esempio la connettività end-to-end come standard per tutte le macchine, l’aggiornamento di tutti i CELOS esistenti, il nuovo portale clienti my DMG MORI e il sistema TULIP come semplice strumento di digitalizzazione.
Ma andiamo con ordine.

Un esclusivo concetto di macchina
Con la DMC 65 H monoBLOCK, DMG MORI ha presentato un nuovo highlight nella lavorazione orizzontale. L’esclusivo concetto di macchina unisce la flessibilità e l’ergonomia di una macchina verticale a 5 assi con la produttività e l’affidabilità di processo di un centro di lavoro orizzontale. La caduta ottimale dei trucioli rende la macchina particolarmente adatta alla lavorazione affidabile di componenti strutturali per il settore aerospace. I costruttori di stampi beneficiano della possibilità di lavorare direttamente i componenti con fori profondi fino a 550 mm su una sola macchina. DMC 65 H monoBLOCK è caratterizzata dalla flessibilità offerta dalla tavola rotobasculante montata su entrambi i lati e dall’ampia area di lavoro. Ciò consente di lavorare sia alte torri di serraggio che componenti a 5 assi con peso fino a 600 kg.
La costruzione termosimmetrica del basamento intrinsecamente rigido della macchina, compreso il supporto a tre punti, garantisce la massima precisione a lungo termine.

Automazione modulare fino a 40 pallet
DMG MORI ha presentato il nuovo sistema di pallet PH CELL con un ingombro di 10,7 m² su una DMU 65 monoBLOCK. Il caricamento laterale nella macchina utensile garantisce ergonomia e accessibilità ottimali all’area di lavoro. Il sistema di pallet ha un design modulare e offre la massima flessibilità. La versione base con modulo ad un ripiano può ospitare fino a 12 pallet da 500×500 mm, 16 pallet da 400×400 mm o fino a 20 pallet da 320×320 mm distribuiti su tre o quattro ripiani.
Il sistema può anche essere espanso con un secondo modulo di scaffali, rendendo disponibili fino a 40 posti di stoccaggio pallet. Il secondo modulo ripiano può essere installato a posteriori senza la necessità di spazio aggiuntivo. Una stazione di installazione separata e girevole in opzione consente un attrezzaggio ergonomico durante la lavorazione.
Testurizzazione laser per stampi XXL
LASERTEC 400 Shape amplia il portafoglio DMG MORI nella testurizzazione laser a 5 assi nel settore degli stampi di grandi dimensioni fino a 3.350×1.350×1.000 mm con un peso del pezzo fino a 20.000 kg. La testa laser di nuova concezione ruota da -100° a +135° e ha un campo di rotazione di ±200°, che consente la lavorazione in sottosquadra. Il design gantry ergonomico e termosimmetrico della LASERTEC 400 Shape garantisce la massima precisione e un’elevata qualità di testurizzazione. Il nuovo modello consente una velocità di lavorazione fino a tre volte più veloce con questo livello di qualità, grazie alla testurizzazione ad elevate prestazioni. La LASERTEC 400 Shape apre così la possibilità di un numero infinito di trame di qualità ripetibile e con caratteristiche funzionali come resistenza ai graffi, proprietà idrorepellenti o brillantezza.

Aumentare la produttività fino all’80%
In qualità di partner globale nell’Additive Manufacturing di componenti metallici, DMG MORI risponde pienamente al settore tecnologico in rapida crescita con sviluppi innovativi e una gamma completa di consulenza. La produzione additiva si sta affermando sempre più come un processo all’avanguardia per uso industriale, comportando anche la necessità di adattarsi alle esigenze di questa tecnologia. DMG MORI ne tiene costantemente conto nello sviluppo delle serie LASERTEC 3D hybrid, LASERTEC 3D e LASERTEC SLM.
I temi centrali sono la disponibilità tecnica delle macchine, la loro produttività, la qualità dei componenti e la sicurezza sul lavoro. A Pfronten, DMG MORI ha presentato il modello LASERTEC 30 DUAL SLM. La nuova ammiraglia nella produzione generativa mediante fusione laser selettiva (SLM) su letto di polvere è dotata di un modulo ottico ad alta precisione con due laser, che insieme possono costruire uno o più pezzi in parallelo, aumentando la produttività fino all’80%.
Due potenti laser da 600 W, il cui campo di scansione copre l’intera area di costruzione, consentono velocità di costruzione fino a 90 cm³/h. Il software riconosce automaticamente quale strategia di scansione è la più efficiente, garantendo così che la macchina funzioni sempre in modo ottimale e che possa essere utilizzata in modo flessibile in base alle esigenze di stampa.
Un’altra novità è il sistema di filtraggio permanente, che funziona indipendentemente dal materiale e grazie alla passivazione automatica delle polveri metalliche offre un nuovo livello di durata e sicurezza sul lavoro. Il raffreddamento attivo dell’area di costruzione permette agli utenti di rimuovere più rapidamente i componenti finiti e quindi di preparare più velocemente i nuovi ordini.
Il risultato è un ulteriore aumento della produttività.

Digitalizzazione integrata
Poche aziende hanno avuto il successo di DMG MORI nel potenziamento e nell’espansione digitale della sua attività tradizionale di produzione di macchine utensili e relativi servizi per molti anni.
Un esempio è il sistema operativo e di controllo basato su APP CELOS, oggi utilizzato nei sistemi di controllo di oltre 20.000 macchine DMG MORI in tutto il mondo. Anche DMG MORI PLANNING & CONTROL e la piattaforma di manutenzione e riparazione indipendente dal produttore WERKBLiQ stanno riscontrando successo.
Portale per la gestione automatizzata delle richieste di assistenza e pezzi di ricambio “Dalla sua presentazione in anteprima mondiale alla EMO 2019, il nuovo portale clienti my DMG MORI si è dimostrato pienamente efficiente”, ha affermato Diego Spini, Amministratore Delegato di DMG MORI Italia. Dopo poche settimane, già 4.000 clienti avevano effettuato la registrazione gratuita. “L’obiettivo è di raggiungere 20.000 utenti entro la fine di quest’anno. La ragione del successo è che my DMG MORI offre all’officina una scelta di funzioni innovative per il controllo integrato, il monitoraggio e la documentazione di tutti i processi di assistenza orientati alle macchine”, ha continuato Spini. Le richieste di assistenza possono quindi essere avviate e inviate praticamente con un semplice “clic” tramite my DMG MORI.
Il modulo di richiesta interattivo previene eventuali equivoci. Richieste di assistenza specifiche e foto o video, da allegare in opzione, raggiungono direttamente il Service Expert DMG MORI di competenza.
Inoltre, la funzione “Tracking & Tracing” garantisce trasparenza per tutti i processi e le procedure di assistenza. Anche gli ordini di pezzi di ricambio possono essere monitorati di continuo. Inoltre, la funzionalità unica del
my DMG MORI non deve essere limitata a DMG MORI.
Con un aggiornamento senza barriere alla piattaforma di manutenzione e assistenza WERKBLiQ, i clienti possono accedere a tutta la gamma dei servizi my DMG MORI per l’intero parco macchine, compresa l’ottimizzazione di tutti i processi di manutenzione.

La via più facile verso la digitalizzazione
A Pfronten si è celebrata in anteprima anche la collaborazione tra DMG MORI e il fornitore di software statunitense TULIP.
L’idea alla base delle soluzioni TULIP è la semplicità stessa: i flussi di lavoro manuali durante il funzionamento dei macchinari o dei processi di assemblaggio vengono visualizzati passo dopo passo tramite le app TULIP e incrementati con i dati pertinenti. Il sistema guida l’operatore in ogni singola fase del processo e registra tutti i dati (digitali) rilevanti sullo stato “lungo la strada”. Un gran numero di casi pratici esemplificativi è disponibile per il cliente in una libreria di app come “campioni” adattabili per “registrare” il processo. Gli utenti possono inoltre utilizzare la piattaforma senza codice di TULIP per creare in modo indipendente app di produzione senza alcun know-how IT o competenze di programmazione speciali. DMG MORI pone così le persone al centro della digitalizzazione e lascia la piena responsabilità personale in officina. Questo è un altro motivo per cui DMG MORI è convinta che le soluzioni TULIP renderanno notevolmente più semplice per le aziende di piccole e medie dimensioni l’accesso alla produzione digitale.