L’importanza di reclutare giovani talenti nell’era 4.0

Oltre a una panoramica sulle tecnologie più innovative destinate alla lavorazione dei metalli, alla EMO di quest’anno si parlerà di soluzioni per l’Industria 4.0 e per la produzione integrata. Inevitabili le ripercussioni di queste sul mondo del lavoro, motivo per cui si affronteranno anche temi come il lavoro agile, la competenza IT e la formazione permanente.

di Annedore Bose-Munde

Dal 16 al 21 settembre il mondo della lavorazione dei metalli si dà appuntamento ad Hannover. L’occasione è l’edizione 2019 della EMO, manifestazione internazionale itinerante tra Italia e Germania. Da anni EMO è conosciuta e apprezzata dagli esperti del settore come punto d’incontro di fornitori e utilizzatori di alto profilo. Oltre 130.000 operatori hanno visitato l’edizione 2017, che ha visto schierati, con i loro prodotti e i loro servizi, 2.230 espositori provenienti da 44 Paesi.
Ancora una volta, sotto i riflettori ci saranno le più recenti novità in fatto di tecnologie destinate alla lavorazione dei metalli, per cui macchine utensili, sistemi di produzione, utensili, automazione, software, elettronica industriale e accessori, e soprattutto soluzioni per l’Industria 4.0 e per la produzione integrata.
Proprio nell’era della trasformazione digitale le aziende devono tenere conto dei numerosi cambiamenti nel mondo del lavoro nella loro formazione. Durante l’edizione di quest’anno della EMO si affronteranno dunque temi come lavoro agile, competenza IT e formazione permanente.
Uno dei pionieri in questo campo è la società Trumpf di Ditzingen. Il noto produttore di macchine utensili, tecnologia laser ed elettronica, ha aperto le sue porte alla comunità agile per la prima volta all’inizio di aprile. Durante l’evento 1° Agile Days si è discusso di quelle che sono le tendenze attuali e le sfide che circondano il lavoro agile.

Si rende necessario anche un cambiamento di tipo culturale
Il prof. Wilhelm Bauer, direttore dell’Istituto Fraunhofer per l’ingegneria industriale IAO con sede a Stoccarda e responsabile tecnologico dello Stato del Baden-Württemberg, ritiene che siano necessari tre step per una digitalizzazione di successo: “Innanzitutto, le aziende devono riconoscere che la digitalizzazione comporta una significativa trasformazione. In secondo luogo, hanno bisogno di sviluppare le loro competenze, e in terzo luogo hanno bisogno di avere il coraggio di affrontare le cose a testa alta”. Uno dei motivi per cui la digitalizzazione non è ancora stata adeguatamente trattata dalle aziende è l’economia in piena espansione: “Quando il portafoglio ordini è pieno, molte aziende non si prendono il tempo necessario di valutare la digitalizzazione”.
Per Oliver Maassen, responsabile delle risorse umane di Trumpf, la digitalizzazione richiede anche un cambiamento di tipo culturale: “La trasformazione digitale richiede che ci si conceda la libertà di commettere errori dai quali poi si può imparare”. E sono proprio i metodi di lavoro agili che stanno contribuendo a stabilire questo nuovo atteggiamento nei confronti del lavoro in Trumpf. Ma digitalizzazione significa anche cambiare la comprensione della leadership. “Il compito principale del “Manager 4.0” sarà lo sviluppo delle competenze dei dipendenti”, ha sottolineato Maassen. “Allo stesso tempo, i manager dovrebbero sviluppare le proprie competenze e ottenere un feedback regolare. La chiave del successo è la comunicazione”.

In dieci anni, fornita una consulenza a oltre 7.300 trainer e insegnanti
Solo i dipendenti più qualificati possono garantire che le aziende si sviluppino con successo, soprattutto in considerazione dei numerosi cambiamenti in atto nel mondo del lavoro. Un modo per raggiungere un simile risultato è lasciare che si allenino per conto proprio.
Negli ultimi dieci anni, la Fondazione per l’Educazione e lo Sviluppo della Gioventù si è trasformata in un importante partner strategico per la formazione professionale in Germania. Il focus principale è il rafforzamento dell’orientamento professionale delle scuole di istruzione generale, il soddisfacimento della domanda di lavoratori qualificati proveniente dal settore meccanico e impiantistico e il tempestivo trasferimento di nuove tecnologie nella formazione professionale. Argomenti come Industry 4.0 e l’apprendimento mobile sono diventati all’ordine del giorno per la Fondazione che organizza workshop che forniscono agli insegnanti di ingegneria meccanica informazioni e metodi per trattare al meglio questi argomenti. Un esempio è Mobile Learning in Smart Factories, un’app mobile utilizzabile in diversi ambiti sia di lavoro che accademici.
Peter Bole, Capo della Fondazione, conferma il successo dei servizi offerti: “Da quando è stata istituita la Fondazione, negli ultimi dieci anni abbiamo fornito consulenza a oltre 7.300 trainer e insegnanti proponendo loro seminari della durata di diversi giorni. Siamo inoltre riusciti a garantire che i più recenti cambiamenti a livello tecnologico del comparto ingegneria meccanica fossero inclusi anche nella nostra formazione professionale. Inoltre, siamo riusciti a convincere più di 120.000 giovani del fascino di questa nuova industria e delle sue opportunità in occasione dello Special Youth Show che si è tenuto sia durante l’ultima edizione della EMO di Hannover sia in occasione di altre fiere importanti. La digitalizzazione e l’Industria 4.0 stanno diventando, di fatto, sempre più parte integrante della formazione”.
Per assumere tirocinanti, Peter Bole raccomanda però alle aziende di utilizzare metodi digitali. “Chiunque sia interessato al reclutamento di giovani ha bisogno di suscitare il loro interesse; usare le moderne opportunità di comunicazione come i canali dei social media è un modo per aumentare l’appeal dell’azienda e attirare potenziali reclute”.

Le strutture agili richiedono una cooperazione interdipartimentale
Le strutture agili richiedono ai dipendenti di aree diverse di collaborare ai vari progetti. Con il progetto di sviluppo collaborativo e interdisciplinare Trumpf Cube, ad esempio, gli studenti della Cooperative State University del Baden-Württemberg praticano una particolare forma di cooperazione durante la loro formazione. Nel primo anno del loro apprendistato, viene infatti chiesto loro di sviluppare in maniera completa il prodotto, dalla realizzazione del modello alla produzione sino al processo di marketing. Nello specifico, il progetto Trumpf Cube prevede lo sviluppo di un cubo con dimensioni pari a 30 cm in altezza, lunghezza e larghezza.
L’eventuale funzione del prodotto è lasciata agli studenti. Al progetto lavorano gruppi da cinque a sei persone, composti da studenti provenienti dai settori della meccatronica, dell’ingegneria elettrica, dell’informatica, dell’ingegneria industriale e meccanica. Il progetto è diviso in due fasi: un workshop iniziale, in cui ogni team progetta un modello in cartone del cubo, e un secondo passo in cui si crea un prototipo funzionale. Ogni squadra riceve lo stesso budget e può spenderlo come meglio crede. “Gli studenti del gruppo di progetto Digital Key Box, ad esempio, hanno utilizzato il loro budget per acquistare piccoli motori per azionare un braccio di presa. Il braccio di presa espelle automaticamente i tasti dal cubo premendo un pulsante tramite una rampa stampata in 3D”, ha commentato Torsten Klaus, Head of Technical Training presso la Trumpf di Ditzingen, descrivendo un esempio pratico.

Le persone svolgono ancora un ruolo chiave nell’era digitale
Verso la metà del 2018, il WGP (Società Scientifica per le Tecnologie di Produzione) era già al corrente delle conseguenze sociali della digitalizzazione e del networking nell’industria tedesca. Nell’Industrial Workplace 2025 Position Paper, gli autori hanno discusso di questo sviluppo e creato un nuovo modello per analizzare il grado di automazione nell’industria. Nel documento vengono mostrate le aree in cui è necessario agire. “Ogni rivoluzione industriale – compresa l’Industria 4.0 – porta con sé enormi sconvolgimenti sociali”, afferma il Prof. Berend Denkena, Presidente del WGP e Direttore dell’Istituto di ingegneria della produzione e macchine utensili IFW presso l’Università di Hannover. “In qualità di portavoce dei professori tedeschi di tecnologia di produzione, vogliamo contribuire con il nostro know-how al fine di ridurre l’ansia causata da questo sconvolgimento”.
Il documento di sintesi conclude che c’è ancora bisogno di entrambi: tecnologia di produzione (sotto forma di sistemi automatizzati) e persone. Il rapporto ottimale deve essere trovato tra il lavoro umano e la tecnologia di produzione automatizzata. Secondo il WGP, gli sviluppi della digitalizzazione e le conseguenti variazioni del grado di automazione e autonomia dei sistemi di produzione stanno ponendo nuove richieste sulle abilità e sulle capacità delle persone che lavorano in produzione. “Oltre a una richiesta crescente di personale addetto alla produzione, anche la disponibilità di dipendenti adeguatamente qualificati svolgerà un ruolo importante in futuro”, afferma. Questo a sua volta è influenzato dalla demografia e dalla crescente eterogeneità delle qualifiche richieste per accedere alla formazione.
Oliver Maassen di Trumpf e WGP sottolineano che questo è un problema che la società nel suo complesso deve affrontare: “Abbiamo bisogno di un maggiore sostegno politico nei settori dell’istruzione e della formazione. La digitalizzazione deve diventare una componente fondamentale a tutti i livelli d’istruzione”. A settembre, Trumpf, il WGP e la Youth Education and Development Foundation saranno presenti alla EMO di Hannover per presentare le loro soluzioni Industry 4.0.