Nuova pressa elettrica con forza di spinta di 200 e 300 kN

Alfamatic amplia la gamma delle sue presse elettriche introducendo un nuovo modello con forze di spinta pari a 200 e 300 kN. L’azienda di San Giorgio su Legnano (MI) è dunque una delle poche società italiane a produrre una pressa elettrica per assemblaggio di questa taglia.

Accanto alla consolidata gamma di presse pneumoidrauliche ad azionamento sia manuale che automatico, nel 2014 gli sviluppi tecnologici uniti alla necessità di dare risposte ad applicazioni più esigenti dal punto di vista del controllo e del processo hanno portato Alfamatic a introdurre sul mercato anche una nuova gamma di presse elettriche. Queste si presentano in due taglie di cilindri con forze di spinta che partono da 0,5 a 100 kN, declinate in forze intermedie da 10, 25, 50 e 70 kN. A queste si è aggiunta dunque una terza taglia con forza 200 e 300 kN.

Alfamatic propone sia il cilindro completo di sistema di controllo che la stazione di pressatura pronta all’uso.

Il “cuore” del sistema della nuova pressa è il medesimo, adeguatamente dimensionato, dei cilindri elettrici Alfamatic adottati dalle presse con tonnellaggio inferiore: una vite a rulli satelliti ad alta robustezza e precisione.

Nonostante la forza di spinta del cilindro, il sistema garantisce la medesima capacità di riprodurre le prestazioni e il grado di precisione, la stessa capacità di controllare in maniera puntuale il carico, il punto di arresto dello stelo, la ripetitività del carico applicato ecc. degli altri modelli della gamma.

La nuova pressa elettrica Alfamatic è indicata in applicazioni di assemblaggio e piantaggio che necessitano di una grande forza di spinta, ma al contempo necessitano di un controllo di grande precisione della posizione e della forza di ogni singolo istante di funzionamento. Ad esempio, per il piantaggio di cuscinetti di grosso diametro o la compattazione delle lamelle che compongono il pressimpacco di rotore e statore nei motori elettrici.