Ridurre di dieci volte il numero dei prototipi fisici

Telma, nome noto a livello mondiale per i suoi sistemi di frenatura senza attrito, ha ridotto in modo significativo il time to market e ottimizzato i costi di sviluppo utilizzando il software Ansys per tre nuove serie di rallentatori, sistemi di frenatura basati sull’induzione magnetica.

Grazie ad Ansys, Telma nell’arco di un decennio ha ridotto da dieci a uno il numero di prototipi fisici necessari per la validazione, il che si traduce in uno sviluppo più rapido dei rallentatori, che permettono di ridurre fino al 90% le emissioni di particolato tipiche dei sistemi frenanti tradizionali, con un taglio significativo dei costi di manutenzione.

Con Ansys gli ingegneri Telma hanno sostituito le lunghe e costose fasi di prototipazione fisica e di test con la simulazione, potendo così gestire al meglio i fenomeni elettromagnetici, fluidi e meccanico strutturali. Grazie all’impiego delle soluzioni di simulazione multifisica ad alta fedeltà di Ansys per modellare, simulare e validare i prototipi virtuali, Telma ha potuto ridurre in modo significativo i costi e diminuire il time to market.